4202 visitatori in 24 ore
 228 visitatori online adesso


Stampa il tuo libro



Maria Grazia Vai

Maria Grazia Vai

Maria Grazia Vai, padre Veneto e madre Siciliana, nasce nell’ Agosto del ‘64 e tutt’ora vive in una piccola provincia del Pavese all'interno del parco del Ticino. Presente con le sue opere in diversi Reading di poesia, insieme alle figlie di Alda Merini (Emanuela e Barbara Carniti) e di Alessandro ... (continua)


La sua poesia preferita:
Non scrissi mai dei tulipani
E’ polvere seppiata.
La voce di un pensiero
tra i capelli sciolti,
questo frammento d’alba
che si sbriciola tra le...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Di vaniglia e lilla’
T’avrei saputo scrivere
di pioggia e di lillà
mentre scorrevi piano tra i fogli
e le parole
Eri quel segno bianco sulla pelle
Qualcosa d’impigliato alle bordure di un tramonto
appena sopra il volo di un gabbiano
che -come me, si stava...  leggi...

Sul fianco sbagliato del cuore
Tutto di te, seppur taciuto
diventa quel fragore che non dorme
Si fa silenzio tra i rintocchi dell’autunno
e torna a farsi più profondo
di un solco tra la neve

S’insinua sempre più forte
dall’altra parte della pioggia
e ti raccoglie più delle...  leggi...

Questa immagine di te
Sotto un cielo bagnato, incerto
nel soffio di una brezza appena tinta di sole
un pensiero indossa la tua voce
E si fa dolcezza anche il dolore

Ombra silenziosa di una piccola parola
Sottile, come pelle di carezza
arrivi a me. Ti respiro
in...  leggi...

Del frinir dei grilli
Pensieri come nuvole di scogliera
parole gonfie di vento e senza voce
L’inattesa carezza
che intreccia fili bianchi
tra i sandali e la rena

Melodie, il suono del mare
a lambire questo cielo
al di la del cielo
Ansima il vento.

S’incrina il...  leggi...

Piove, sulla ginestra il canto dei poeti
Fiorisce il canto
di chi rubò la voce al vecchio
della porta accanto

Rubò l’onda al pescatore

Diventò sentiero
per...  leggi...

Il colore del pianto
Si sente, tra lo scorrere del cuore
come un filo di perle, tra le dita
corda di vetro, taglia i sorrisi e le vene

Quando il sibilo del vento scolora,
dietro le persiane chiuse
E’ sabbia che rotola su marciapiedi,
deserti e oscuri

E’ la tua...  leggi...

Esserti luna
Ed è una danza
il non sentirsi più soli
Manipolarsi dentro con le parole

Ed il respiro è rantolio dei sensi
Il ventre
un calice che li contiene

ma non li trattiene

Ed è una danza
che ci comprende
questa incolmabile mancanza

Questa...  leggi...

Tra i colori dell’anima
Le tue parole, come stelle
riempiono le stanze vuote di questa casa.
Un posacenere sul tavolo
una rosa
e sul comodino i tuoi pensieri.

Giorni da vivere,
fili d’erba e sassi da calpestare insieme.
Un biglietto della lotteria
una poesia
e una...  leggi...

Ombre sulla neve
Silenzi
in equilibro
sopra lo stesso marciapiede

E neve,
sulle mie rose.

Neve
sopra i cancelli
a rinchiudere l’ultimo viaggio

Sola,
cammino...  leggi...

E poi silenzio
Come mi manchi, adesso
mi mancherai domani

Mi mancherai
Quando gli occhi saranno vuoti d’estate
i lampioni si perderanno di stelle
e accenderanno le notti e l’orizzonte

Quando le mani avranno fili di pioggia
le strade parleranno di silenzi
e...  leggi...

Di silenzi
Quando il cuore
è muto
i silenzi urlano di parole non dette
e si arrendono

come candele - rassegnando
la fiamma al vento -

Silenzi che si posano
qui,
tra i fiori appassiti della mia tovaglia
dove anche le briciole
sono di vetro
- e i...  leggi...

Anima perduta
Quando
l’anima si perde
è tra le pietre che si nasconde

Puoi trovarla
tra le pozzanghere
ricoperta di passi frettolosi
di chi si guarda
senza vedersi

Dentro quegli occhi
dove anche il cielo si cancella
e resta il buio
capovolto
a...  leggi...

Maria Grazia Vai

Maria Grazia Vai
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Non scrissi mai dei tulipani (17/02/2011)

La prima poesia pubblicata:
 
Anima perduta (19/11/2009)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Arenili di pioggia (14/01/2018)

Maria Grazia Vai vi consiglia:
 Dicevi delle labbra (23/05/2013)
 D'Obliquo Alle Cicale (11/05/2013)
 Sometimes (13/02/2013)
 Poussière d’Étoile (31/03/2013)
 Snow (02/04/2013)

La poesia più letta:
 
Abbracciami di te (01/12/2009, 16479 letture)

Maria Grazia Vai ha 13 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Maria Grazia Vai!

Leggi i 99 commenti di Maria Grazia Vai

Le raccolte di poesie di Maria Grazia Vai

Maria Grazia Vai su Facebook


Autore del giorno
 il giorno 10/10/2016
 il giorno 10/12/2012
 il giorno 05/12/2010
 il giorno 30/07/2010

Autore della settimana
 settimana dal 11/05/2010 al 17/05/2010.

Maria Grazia Vai
ti consiglia questi autori:
Mr Magoo
Giorgia Spurio
 Nunzio Buono

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie Maria Grazia Vai? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



Maria Grazia Vai in rete:
Invia un messaggio privato a Maria Grazia Vai.


Maria Grazia Vai pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Giacinta

Giacinta è figlia di Paolo e Teresa Marulli. Cresciuta nell'abbandono più totale da parte della famiglia, nella prima (leggi...)
€ 0,99


Maria Grazia Vai

D'Obliquo Alle Cicale

Festività
E scavarmi, tra la grandine
e l’acqua della tua carne.
Diventando la brina
che -ricalca sogni nello sguardo più
timido del bicchiere-

Quello che graffiandomi emerge,
lasciando che sia l’intradosso d’una
noia esaltata a fiorirmi nuovi orizzonti
tra le falde mute
dell’inguine.

Mentre ti rifletti e ti sollevo, alzandomi
-bocca sanguinante del mare-, entro la
quiete carnale dei tuoi seni.
Scalzi.

E affusolarmi, tra le rosse conchiglie
dei tuoi anni. Delineandoti il volo -obliquo
delle cicale.

Quel gracchiare che rende possibile
-d’ogni inciampo- la vita e la neve.

Sempre.

Maria Grazia Vai 11/05/2013 17:49| 1| 4368

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


 

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«La poesia non è parole, né un’azione
che culmini in fatti, ed è una difficile cosa
E tu non puoi misurarla se non con la tua propria misura
Ed è la tua patria, promessa oppure no.
(Nathan Zach)
...piaciuta ...»
Club ScrivereRasimaco (11/05/2013) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Festività
Nel volo
Amo di te -le rose, e le mie spine
Ti indosso
Similitudini e distanze
Sur le côté de la mer
Esattamente qui
Beside you
Ninna nanna
L'odeur du vent
Quell’ indelebile tenerezza del cadere
Fleurs
Nell’aspro e l’acuto sfiorire
Le bruit de la nuit
Campane a festa
Una volta e poi
Mongolfiere nel vento
Comete come usignoli
Nelle rime disciolte
L’odore fragile del vento
Scivolando ai fossi
Un soffio tra le pagine
Mémoires
Tutto in un soffio
Sazia se non di un fiato
Verro’ ad abitarmi
E' dicembre tra un'ora
Om namo
Anche l’inverno ha la tua voce
Per le strade
Così perdutamente lieve
Sterrata
Estasi e maree
Intarsi
Fossi nuvola
Di sabbia, di te... e la neve
Dentro l’ultimo nido (dell’inverno)
Senza altro dire
Fino a te
Nel ritrovarci
Nel chiuso dei pugni
Mi tace il mare
E tu d’estate
A scriverti la neve
Baciami
Dove s’affaccia il cielo
Nell’inverno dei giorni
La neve sul mare
Preghiera
Noccioli di seppia
Ti fossi mai, saresti
Il tempo delle rose
Tornami
E resta il mare
Fino a mattino
E le nuvole bianche, vanno
Ci crederesti mai
Cosi’
Abbagli
Il mio amore e' un folle
Ma come possono le nuvole
Tra l’erba di settembre
Forse la neve
Dove sei tu, le nuvole d’Agosto
Per amore e d’azzurro
Invisibile
Come il sale alle pietre
Nemmeno il cielo
Non qui
Lascia che sia il mare
Di maniche e respiri
Confine
Sulle grondaie
Lungo la via
Crocevia delle nove
Spilli di neve
Fleur de neige
Tu non sapevi scrivere
Piovaschi
Coralli
Soleggiante
Due rose
Del tempo che rimane
In libertà di vento
Come la pioggia, anche l’amore
Tutto si lava
D’ARDESIA E ARCOBALENI ( E le nubi di Manhattan)
Ancorche’
A dirti le mani
Fiori a dicembre
D’inchiostri e diamante
Il silenzio delle conchiglie (la prima neve d’agosto)
Di nastri e tulipani rosa
A ricordarmi chi sei
Notturni e silenzi
E mi dipingo d’Amore tutti gli occhi, e le Ali
Keeper Of My Breath
Viola di pensiero
C’e’ sempre il blu
Parlami del melograno
Sarai
Metafore e silenzi
Dei Gelsomini
Dove arrancano le labbra
Tra ciglia e piume
E d’amaranto mi veste i polsi
E non chiamarlo per nome
Dove si attarda il cielo
Di plastica e spine
Mentre tutto scorre
DI SCHIENA ALLA SALIVA (del tuo tempo)
Un ferro di cancello
Di traverso alla luna
Risonanze
Non chiedere del vento
Crisalide
Pour vous dire
Magnificenza
Di rose e screziati autunni
Gl’inguini dei fiori
Di porcellana e silenzi
Un chiosco di ricordi
La memoria dei fiordalisi
Eri d'Agosto
Litany
Sulla casa del vento
Irraggiungibile
Più di te
Vivida
Come adesso
Risacca d’inverno
Dove ancora il cielo
Nell'attesa diurna
Tra la cornice e la tua bocca
Lingua di fiato
Scarabocchi e Lampioni
Come d'antico vapore
A scriverti
Lasciando al silenzio
Sotto ai Fiori Del Glicine
A spettinarti l'ansia (e i suoi recinti)
Clavicembali d’amore
Nel Sanguinare Del Vento
A Rinnegare Il Sole
Gli occhi con cui ti penso
Sull'uscio dell'ultimo verso
Papaveri nel vento
Zenzero
Nel mentre l'edera
Dicevi delle labbra
D'Obliquo Alle Cicale
Ovunque muove la rassegnazione
Dove piega l’ombra il cipresso
Maman
Renaissance
L’ignara voce del silenzio
Epilogo
Snow
Poussière d’Étoile
Nei cieli incerti di marzo
Un buio di finestra
Glicine di mare
Da qualche parte
L’ultima neve di primavera
Di tutte le notti
Parole scalze
E non lo scrisse il vento
Sometimes
S'increspa ancora
Raramente si spegne
Altri cieli
Veli scuri di malinconia e trasparenze scalze
Del tempo che mi attraversa
Que je me demande
Aironi d’acqua dolce
Silenzi di maree
Respirandoci d’assenza
Solo il cuore
Rintocchi
Tornando a piovere
Dell'alba lo scrivono i poeti
Gocciolanti Lune d’Agosto
Le cose che non sai
Lentamente accadi
Di che colore il vento
A due passi da me
Del rosso pulsare
Fiordalisi
Viaggi, Sul dorso di un pensiero
Di Glicine e Luna
Un cigolio di foglie
La leggerezza d'un volo
D’altri giorni
Sul dorso delle coccinelle
Trame d'inverno, calici e stelle
Frusciare d’onde
Tambureggiante
Il pulsare delle onde
Fuliggine
Di quanto amore ancora
Cosa importa
E non lo spegne il vento
Il silenzio dei fossi
Al calare d'un respiro
A passo di danza
Quel silenzio che mi sveglia
Stelle cadenti
Grondaie di neve
Dallo scrittoio nascosto
Quell'andare di foglie
Dove si alza la neve
Negli angoli
Le lunghe mani dell'estate
Sottovoce
Rovi di pioggia
Passaggi d’oltre
Quegli antichi fiati d'Ottobre
Sguardi d’acqua
Autunni e storie
Ritorni
Accompagnandomi le sere
Se c’è strada camminerò
Come lanterne tra la neve
Miraggi
Di te, scrivono i colori
In un ritratto
Tutti la chiamano Mimì
In ogni sempre
Alghe
Tutto mi tace
Di te scrivono gli occhi
Dove mi parlano le cose
Era l’estate
L’ultima neve
Parlami
Il respiro di chi parte
A scriverti le nuvole
D’ogni fiato, poesia
Quello che il vento
Et cinq
Tornami
Del mio pensarti
A filo d'acqua
L’altra stanza
Come fiori senza nuvole
L’ultimo natale
Piccole foglie tra la neve
E poi sarà la neve
Esistessi mai
Stelle di mare
Bastasse l'acqua
Sono le cose di te
Aloni e silenzi
Macchie di pioggia
Nasse
Tra le ginestre il vento
Tra i sassi del fiume
Recinti
Tramonti
Deserti
Forse
Slow Blues
Echi
Imparerò a cadere
Quando l’Amore è altrove
I segreti dell’acqua
Oltre l’abbaio del tempo
E chiedo
Albe gemelle
Quegl’inverni di maggio
Poesie di vetro
Frugando le Parole
Orizzonti imperfetti
Sulla pelle incerta di un pensiero
Sii la casa dei miei sguardi
Accompagnandoti le impronte
Del mare è il mio silenzio
Dei giorni senza
Il maturare delle solitudini
Nei tuoi occhi
Nero seppia
Qualcosa di bianco
Mea Culpa
Les saisons du coucher
Fili d’erba
Solitudini diverse
Amandoti gl’inverni
Fleurs de neige
Oltre la notte
Di rovi e sempreverdi
Glicini di solitudine
Racconti di pioggia
Dell’andare è il tempo lieve
Oltre l’Amore
Neve sui binari
Non più giorni di parole
Io e il vento (la danse des ombres)
Più su
Di sera
Riverberi
Io so
Non è domani
Albe altrui
Negli occhi del tuo esistere
La fragilità del vento
Solo il tempo
Il rumore del cielo
Le tue foglie tra la neve
Con te
Quel tuo arrivare
Li sento ancora
Improbabili distanze e contorni
Vicinanza di stelle
La main sur les lèvres
In quale dove
Dove il cielo
Sfumature
Sorsi di pioggia
Le strade d'autunno
Trame di vecchi giorni
Angoli di solitudine
Nella forma di me
Stralci di nebbia
Fra onde d'acqua e sguardi in fiore
Nei giorni in cui torno
Pienezza di dolore, in divenire
Culla di dolore
Frastuoni d'alba
Mani nude, vuote di te
Di lucciole e poesia, rumore di onde
Mareggiate senza sponde
Sorrisi incompiuti
La neve sui cortili
Giorni di pietra
Dove tace l'orizzonte
Saprà la pioggia
Sulle rive del vento
Di glicine, e ancora
De rojas pupilas
I colori del silenzio
Adesso che ti sento
Alla tua porta
Serte, de tierra y fuego
Acaece la nieve
Solitudini scomposte
Di pienezza, infiora
Sentirti
Per la stessa ragione del vento
Da sotto il mare, e tu
Tra le fontane e in nessun tempo
Di rosse pupille
Distante
Sguardo di donna
Nella quiete dei coralli
Per venire da te
Sarà d'autunno
E forse adesso nevica
Profumate libellule
Ti fossi mai
Mi leggo di te
E in lontananza, le fragole
Il vento, non lo dissi mai
Voce di silenzio
Dei giorni
Rumoreggiando
Specchi d'acqua
Attimi
Nel fiorirmi tra i pensieri
D'inebriato Amore (un calice di te)
Di te, senza
Tra legni di quiete
Lontano
Soltanto vento
Qui, di Noi
All'improvviso il cielo
Ascolta l'orizzonte
Sperdute vele
Impazzire di te
Di carne e cuore
Dei profili il cielo
Semplicemente
E pioverà amore
D'Amore e di lillà
Anche se, non sei
Ma Lune
In silenzio un'alba muore
Esondi tra le stelle
Scompigliando i miei confini
Imparerò dal vento
Avrò di te
Gli occhi azzurri delle farfalle
Raccontami dei girasoli
Attimi d'inverno
Lungo la Senna
L'insostenibile distanza
Quando ancora di me non sapevo
Di mille sguardi vuoti - Shoah, il dolore della memoria -
Nell'antro delle tue voglie
Tra colori di nebbia
Sulla fronte, Lacrime di Sole
Solo pioggia
Suonami di jazz
A Parigi pioveva
Come una rosa
L'eco di un cuore
Stelle cadenti
Goccia di pensiero
Strappi di cuore
Tra i nastri di Natale
Stracci di nuvole
Se mi guardi
Piove, sopra l'inverno
Nel silenzio delle tue mani
Come quando ti penso
Nel bagliore di una lacrima che cade
Come la neve
Aquiloni in soffitta
Mia Luna
E poi la pioggia
Nel silenzio di un diapason che suona
Blu
Ai confini d'ogni mio sentire
L'azzurro d'una sera
Esserti, di terra e fuoco
È sera
Riaffiori
In silenzio, la vita
Di me
Bevendoti
Sapore di te
Fra le caviglie e il cuore
Nell'anima (gocce di te)
Istanti di cuore
Subbugli d'anima
Riverberi di te
Dondola il vento
Sentieri di luna
Vuoti di cuore
Le onde del destino
Nel bianco e nero
Dell'inverno
Come farfalle sopra le more
Più in là
Alba sui canneti
Aquiloni in città
Vado a vela, all'imbrunire
Schianto al cuore
Liquirizia
Profili d'orchidea
E assaporo desideri
Volano via le rondini
Diamante
I sussulti del cuore
Di quanto amore
D'anemone mirtillo e rose rosse
D'una conchiglia il canto
Mentre ti sogno ancora
Frenesia d'averti
A novembre
Guardami, come io ti vedo
Sei
Del mio cammino
D'un sospiro di luna, l'aurora
Cuore nudo
Crepuscolo coi poeti
Perché di notte
Il canto dell'arcobaleno
Di te che sei
Kissing you
Per amore ho scordato l'Amore
Del mio mattino, sei
Così, sarò anch'io
The End
Nei sussurri, le viole
D'un tramonto, lo sguardo
Senza luce
Grovigli, e rovi tra i gigli
Nel fiato, triste di neve
Ti amai, d'amore
D'una pagina strappata
D'anima e fiato
Nel mio pensarti, ancora
Sulla riva
A piedi nudi
Piovono stelle
Sulle spalle degli aquiloni
Nel mio sentire
Del mio infinito, sei
Il sole dentro
Curvato il tramonto
Nei meridiani celesti, sospiri di luNA
Nastri di vetro, e zucchero filato
Nuda e arresa
Cos'altro sei
Join me
Il canto delle balene
Attraverso me
In un cielo, vuoto di pioggia
Di zagare, e gabbiani
Mentre ti guardo
Solfeggi d'anima
Tra le lasciate, del vento
Rosa di neve
Nel vento
Nel fiato rubato
D'inverno
Tra le viole, i miei pensieri
Infinite distanze, del cuore
Come un gatto
Piuma di falco
Muore, il mio canto
All'imbrunire
Lontano, dal cuore
Piove, ancora
Di una poesia, sei (Nunzio Buono feat. Maria Grazia Vai)
Quella nuova forma del cuore
Stille di bianco velo, sull'anima
Ti ho negli occhi, padre
Del mio mattino
Al di là del vetro
Sulle ali delle rondini
Mimosa, così mi appari
Del fiume, sei
Di noi
Di una carezza, sei
Ad un passo da me
Prima di dormire
Refoli di vento
Filamenti d'anima
Profumo di te
La mia strada
Quattordicifebbraio
Amaro disincanto
Notte, di giocolieri stanchi
Senza muovermi
Le nebbie del cuore
Sulle tue labbra
In te, mi immergo
Primavera di pensiero
Ritornami vela
Nudità nascoste
Piccoli passi verso il tuo cuore
Abito il tuo cuore
Un azzurro, dentro un ti amo
A te di fianco
Verso i tuoi occhi
Graffi di tenerezza
Credevo fosse cielo
Luci d'ombre
Di te
Iperbole
Qui, senza te
Non dire mai
Sposta di un passo la tua vita
Acquarello
Fili di vetro
Crazy For You
Ancora
Scrivo a memoria
Disegno incompiuto
Oltre le nuvole
Foschie
Graffiami l'anima
Fragile
Vorrei raggiungerti
Quando penso che ti amo
In dissolvenza
Loves
Sul bianco, mio del mio cuore
Dei tuoi domani
Gocce sul cuore
Gli anfratti del cuore
Oltre la mia voce
Mi attraversi le vene
Ali senza vento
Intingi la tua penna, poeta
Piove, sulla pioggia d'autunno
Di tanto amore, ti ho amato
In controluce
Io e gli altri (dentro me)
Il mio cielo ti comprende
I silenzi del cuore
Oltre la riga del cuore
E respirarti, amore
Tra le mie poesie
Volevo esserti amore
E tace, il vento
Merletti di ghiaccio
Risvegli
A fluire tra silenzi, la vita
Odio il Natale
Abbracciami di te
Ti scriverò
Manchi ai miei occhi
Gocce di me
Alba e tormenti
Come un soffio
Araba Fenice

Tutte le poesie



Premio Scrivere 2011
In quale dove Tema libero
Premio Scrivere 2009
Nel respirarti, vita sui miei giorni Poesia d'amore



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it