4205 visitatori in 24 ore
 256 visitatori online adesso


Stampa il tuo libro



Maria Grazia Vai

Maria Grazia Vai

Maria Grazia Vai, padre Veneto e madre Siciliana, nasce nell’ Agosto del ‘64 e tutt’ora vive in una piccola provincia del Pavese all'interno del parco del Ticino. Presente con le sue opere in diversi Reading di poesia, insieme alle figlie di Alda Merini (Emanuela e Barbara Carniti) e di Alessandro ... (continua)


La sua poesia preferita:
Non scrissi mai dei tulipani
E’ polvere seppiata.
La voce di un pensiero
tra i capelli sciolti,
questo frammento d’alba
che si sbriciola tra le...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Di vaniglia e lilla’
T’avrei saputo scrivere
di pioggia e di lillà
mentre scorrevi piano tra i fogli
e le parole
Eri quel segno bianco sulla pelle
Qualcosa d’impigliato alle bordure di un tramonto
appena sopra il volo di un gabbiano
che -come me, si stava...  leggi...

Sul fianco sbagliato del cuore
Tutto di te, seppur taciuto
diventa quel fragore che non dorme
Si fa silenzio tra i rintocchi dell’autunno
e torna a farsi più profondo
di un solco tra la neve

S’insinua sempre più forte
dall’altra parte della pioggia
e ti raccoglie più delle...  leggi...

Questa immagine di te
Sotto un cielo bagnato, incerto
nel soffio di una brezza appena tinta di sole
un pensiero indossa la tua voce
E si fa dolcezza anche il dolore

Ombra silenziosa di una piccola parola
Sottile, come pelle di carezza
arrivi a me. Ti respiro
in...  leggi...

Del frinir dei grilli
Pensieri come nuvole di scogliera
parole gonfie di vento e senza voce
L’inattesa carezza
che intreccia fili bianchi
tra i sandali e la rena

Melodie, il suono del mare
a lambire questo cielo
al di la del cielo
Ansima il vento.

S’incrina il...  leggi...

Piove, sulla ginestra il canto dei poeti
Fiorisce il canto
di chi rubò la voce al vecchio
della porta accanto

Rubò l’onda al pescatore

Diventò sentiero
per...  leggi...

Il colore del pianto
Si sente, tra lo scorrere del cuore
come un filo di perle, tra le dita
corda di vetro, taglia i sorrisi e le vene

Quando il sibilo del vento scolora,
dietro le persiane chiuse
E’ sabbia che rotola su marciapiedi,
deserti e oscuri

E’ la tua...  leggi...

Esserti luna
Ed è una danza
il non sentirsi più soli
Manipolarsi dentro con le parole

Ed il respiro è rantolio dei sensi
Il ventre
un calice che li contiene

ma non li trattiene

Ed è una danza
che ci comprende
questa incolmabile mancanza

Questa...  leggi...

Tra i colori dell’anima
Le tue parole, come stelle
riempiono le stanze vuote di questa casa.
Un posacenere sul tavolo
una rosa
e sul comodino i tuoi pensieri.

Giorni da vivere,
fili d’erba e sassi da calpestare insieme.
Un biglietto della lotteria
una poesia
e una...  leggi...

Ombre sulla neve
Silenzi
in equilibro
sopra lo stesso marciapiede

E neve,
sulle mie rose.

Neve
sopra i cancelli
a rinchiudere l’ultimo viaggio

Sola,
cammino...  leggi...

E poi silenzio
Come mi manchi, adesso
mi mancherai domani

Mi mancherai
Quando gli occhi saranno vuoti d’estate
i lampioni si perderanno di stelle
e accenderanno le notti e l’orizzonte

Quando le mani avranno fili di pioggia
le strade parleranno di silenzi
e...  leggi...

Di silenzi
Quando il cuore
è muto
i silenzi urlano di parole non dette
e si arrendono

come candele - rassegnando
la fiamma al vento -

Silenzi che si posano
qui,
tra i fiori appassiti della mia tovaglia
dove anche le briciole
sono di vetro
- e i...  leggi...

Anima perduta
Quando
l’anima si perde
è tra le pietre che si nasconde

Puoi trovarla
tra le pozzanghere
ricoperta di passi frettolosi
di chi si guarda
senza vedersi

Dentro quegli occhi
dove anche il cielo si cancella
e resta il buio
capovolto
a...  leggi...

Maria Grazia Vai

Maria Grazia Vai
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Non scrissi mai dei tulipani (17/02/2011)

La prima poesia pubblicata:
 
Anima perduta (19/11/2009)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Arenili di pioggia (14/01/2018)

Maria Grazia Vai vi consiglia:
 Dicevi delle labbra (23/05/2013)
 D'Obliquo Alle Cicale (11/05/2013)
 Sometimes (13/02/2013)
 Poussière d’Étoile (31/03/2013)
 Snow (02/04/2013)

La poesia più letta:
 
Abbracciami di te (01/12/2009, 16479 letture)

Maria Grazia Vai ha 13 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Maria Grazia Vai!

Leggi i 99 commenti di Maria Grazia Vai

Le raccolte di poesie di Maria Grazia Vai

Maria Grazia Vai su Facebook


Autore del giorno
 il giorno 10/10/2016
 il giorno 10/12/2012
 il giorno 05/12/2010
 il giorno 30/07/2010

Autore della settimana
 settimana dal 11/05/2010 al 17/05/2010.

Maria Grazia Vai
ti consiglia questi autori:
Mr Magoo
Giorgia Spurio
 Nunzio Buono

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie Maria Grazia Vai? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



Maria Grazia Vai in rete:
Invia un messaggio privato a Maria Grazia Vai.


Maria Grazia Vai pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Giacinta

Giacinta è figlia di Paolo e Teresa Marulli. Cresciuta nell'abbandono più totale da parte della famiglia, nella prima (leggi...)
€ 0,99


Questa poesia è pubblicata anche nel sito RimeScelte

Maria Grazia Vai

E poi silenzio Amore
Come mi manchi, adesso
mi mancherai domani

Mi mancherai
Quando gli occhi saranno vuoti d’estate
i lampioni si perderanno di stelle
e accenderanno le notti e l’orizzonte

Quando le mani avranno fili di pioggia
le strade parleranno di silenzi
e ascolteranno i passi frettolosi del tempo

Ti penso adesso, ancora una volta
prima che il tuo ricordo
mi uccida l’anima, lasciandomi in vita

Ti penserò domani, una volta ancora
inciamperò ai tuoi occhi
senza toccarti il cuore

e poi - silenzio -
dentro e fuori


Maria Grazia Vai 30/11/2009 12:48| 10| 8425

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.


 

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«e poi silenzio... in questi versi pieni di nostalgia
sono molto belli e intensi mi sono piaciuti in modo particolare»
Danielinagranata (30/11/2009) Modifica questo commento

«Malinconia ed amore... una coppia che ci accompagna in questi versi di grande intensità...da assaporare lentamente, con rispetto. Piaciuta»
Club ScriverePaolo Ursaia (30/11/2009) Modifica questo commento

«è difficile dimenticare, quando si ama ancora, molto bella la tua poesia»
Biondi Fernando (30/11/2009) Modifica questo commento

«E quel silenzio ti parlerà, ancora ed insistente, di quel ricordo chiamato amore.»
Club ScrivereFranca Canfora (30/11/2009) Modifica questo commento

«sul silenzio, potrei scrivere una tesi di laurea, purtroppo...
a prescindere da quale sia il motivo di questo silenzio, trovo la poesai di una grande intensità, con passaggi formidabili, una poesia di grande impatto, bellissima ed incisiva, toccante e quasi disperata!»
Fabrizio Diotallevi (30/11/2009) Modifica questo commento

«Splendidi versi... dolcissimi ...ti calano in una tenera atmosfera d'amore dove tutto è possibile... una mancanza che incide... un richiamo d'amore. Splendida»
Veleno (30/11/2009) Modifica questo commento

«L'immagine dell'"inciampare" davanti agli occhi di qualcuno senza però riuscire a toccargli il cuore nobilita tutto il componimento, che si snoda con immagini evocative e con una struttura buona.»
Clodiaf0904 (30/11/2009) Modifica questo commento

«Ma rimarrà il riverbero dei sogni, la vivida speranza che non cede ai triboli del tempo, e si alzerà la voce, giammai spenta, che ora levi al vento, e giungerà domani, dai "vuoti dell'estate", ai "fili della pioggia" penitente. Poi silenzio, e lì ti spunteranno le ali dei ricordi e volerai lontano, a rinverdire i pascoli già brulli, e le arsure trascorse saranno mondi nuovi, più belli dei notevoli lamenti. Ogni dolore è canto nei versi del poeta, ed oggi questo canto serve a lenire il mio puerile pianto che finirà coi salmi alla compieta. Ti librerai domani dentro il sogno che non ti da riposo e annegherai negli occhi del ricordo, lasciando fermo il cuore di chi vorresti a fianco e non ti aspetta, e poi sarà il silenzio la ultima tua meta.»
Gesuino Curreli (30/11/2009) Modifica questo commento

«Poesia dell'amore e della memoria, della mancanza e dell'abbandono. Versi che colpiscono perché diretti, semplici, senza alcun abbellimento, come è la vita: cruda e spietata, a volte. Apprezzata, e pienamente condivisa.»
Salvatore Ferranti (30/11/2009) Modifica questo commento

«Versi pieni di dolce malinconia, tristezza, abbandono... amore... amore non vissuto nella sua pienezza dell'essere
Sofferenza nel domani, quando con il capo tra le mani il pensiero indietreggerà perché immagini di ieri appariranno come demoni nella mente
Bella, proprio bella questa tua
Piaciuta ed apprezzata tantissimo»
Club ScrivereRosy Marchettini (30/11/2009) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Amore
Arenili di pioggia
Chiarori
Filante e spoglia
Amore mio
Giorni
Sollevami
Lune appese
D’inverno sul canneto
Territori di silenzio
Migrando in te
Lanterne d’alba
Cose di te
Ottobre ai rami
Cammeo
Dalle feritorie del vento
Luglio
E’ la luce della luna che inebria
Il rumore dell’acqua
Di rossa linfa, scorri
Betulle nel vento
La neve che non calpesti
Dove cadono i mattini (e le rose di Novembre)
Di te
Di vaniglia e lilla’
Graffiti
Sul fianco sbagliato del cuore
Questa immagine di te
Non scrissi mai dei tulipani
C'era la neve sul nido dei gabbiani
Piove, sulla ginestra il canto dei poeti
Dolce è l'affanno del mio respiro
Quasi inverno
Il colore del pianto
Del frinir dei grilli
Profili d'argento
Di un giorno, di te
Esserti luna
Tra i colori dell’anima
Tienimi dentro, fra le mani e il cuore
Ombre sulla neve
E poi silenzio
Di silenzi
Anima perduta

Tutte le poesie



Premio Scrivere 2011
In quale dove Tema libero
Premio Scrivere 2009
Nel respirarti, vita sui miei giorni Poesia d'amore



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it